Piatti tipici Inglesi a casa di mio marito

Ecco a voi la sconcertante lista di piatti tipici Inglesi che ho scoperto grazie a mio marito e la sua famiglia.

Il 2007 fu un anno davvero importante per me, vinsi la borsa Erasmus e andai a studiare storia dell’Arte alla University of Edinburgh. Passai ben 10 mesi ad Edimburgo e a parte innamorarmi di questa bellissima città e della Scozia provai anche diverse pietanze locali tra cui il temutissimo Haggis (frattaglie cucinate nello stomaco di pecora) , il Deep Fried Mars (si avete capito bene, il Mars, quel dolce confezionato al caramello, viene avvolto nella pastella e poi fritto) e i più classici Fish and Chips, la colazione Inglese (bacon, salsicce, uova strapazzate, pomodori etc.) e Jacket potatoes (patate cucinate al forno con la buccia che vengono solitamente riempite di cheddar, un formaggio tipico Inglese).

 

Dopo questa esperienza me ne tornai soddisfatta a Roma con l’illusione di aver provato più o meno tutto quello che la cucina Inglese aveva da offrirmi ma non potevo essere più lontana dalla verità!

Nel 2010 conobbi mio marito, un Inglese del Sud dell’Inghilterra (per meta’ Italiano) e piano piano scoprii molti altri piatti tipici e abitudini alimentari di cui avevo ignorato l’esistenza fino a quel momento.

Ricordo ancora quando in una bella giornata di sole durante un pic-nic mi suggeri’ di infilare delle patatine (tipo crik crok per intenderci) dentro il mio panino ben farcito. Lui, davanti al mio sgomento, mi mostro’ come fare e cerco’ di convincermi della bontà del risultato senza riuscirci.

Molte altre usanze le ho acquisite quando andavamo in visita dalla sorella che abita ad un’ora da Londra. Tornava dal supermercato con tantissimi prodotti a me del tutto sconosciuti, ad esempio:

Le scotch eggs, che alla vista sembrano delle olive ascolane un po’ cresciutelle, ma che invece hanno al centro un uovo con attorno una farcitura di salsiccia che viene impanata e fritta.

I crumpets delle specie di focaccine porose che mio marito riscalda nel tostapane e che poi ricopre con burro e marmellata.

Marmite, una crema spalmabile dal gusto davvero discutibile, almeno per quanto mi riguarda, che altro non e’ che estratto di lievito, ottenuto dal processo di produzione della birra. Molti bambini ne vanno matti.

dsc_0073.jpg

Bird’s Custard, all’interno della scatola troverete una polvere di mais che riscaldata insieme al latte danno vita ad una crema dal sapore buonissimo. La ricetta fu inventata da Alfred Bird nel 1837 per la moglie allergica alle uova che probabilmente doveva spesso rinunciare a gustosissimi dolcetti ricoperti di crema!

Baked Beans fagioli già cotti con salsa dolciastra al pomodoro venduti dentro a delle lattine. Di solito vengono accoppiati alle Jacked potatoes di cui parlavo prima. Ormai questi li mangio anche io.

Poi c’e’ una serie di Pies (tortini salati) che prendiamo solitamente quando andiamo a mangiare fuori, pork pie, steak and Ale pie accompagnati solitamente da qualche patata e verdura lessa. Non sono niente male!

Il Roast beef (o un arrosto) e lo Yorkshire pudding sono anche una delle ricette Inglesi che apprezzo di più quindi segnatevelo da qualche parte se siete in procinto di partire per l’Inghilterra.

Non dimenticatevi di inondare i vostri piatti di gravy, la salsa che insaporisce qualsiasi cosa che vi viene servita nei pasti a base di carne. Praticamente tutto il grasso che viene prodotto durante la cottura della carne viene messo da parte e girato in un pentolino insieme alla farina. Una vera goduria! I miei figli ne vanno matti!

abstract-1239042__340

Poi se capitate in Inghilterra durante il Natale dovete assolutamente provare il Christmas Pudding (che come minimo deve essere vecchio di un anno) un dolce composto da frutta secca con uvette di tutti i tipi, mandorle, canditi, farina, birra (tipo guiness), cognac, zucchero e uova. La suocera Inglese, che e’ bravissima in cucina, mi ha fatto provare la sua versione e vi assicuro che mi e’ piaciuto molto. La cosa bella e’ che viene servito al flambe’ e fa una bellissima fiamma blu. Ho trovato un video amatoriale per darvi un’idea. La suocera mi ha parlato anche di un posto in Inghilterra, the spread eagle  che ne conserva di vecchissimi, perfino uno del 1954 e che insegna anche a prepararli.

Siuramente mi sono scordata qualcosa.Voi avete qualche cosa da suggerirmi? Il prossimo volo per l’Inghilterra sara’ ad inizio Agosto!

 

 

 

 

 

 

3 commenti Aggiungi il tuo

  1. mumwhatelse ha detto:

    Eheheheh li conoscevo tutti tranne la birds la polverina che fa la crema… dici da provare? Ma quindi ad agosto ci incontriamo? 🙂

    Piace a 1 persona

    1. notellytoday ha detto:

      Certamente! Appena prenoto ti faccio sapere! I prezzi dei voli vanno su veloci quindi dobbiamo sbrigarci! ma tu hai provato il toad in the hole?

      Mi piace

      1. mumwhatelse ha detto:

        Io li chiamo gli involtini inglesi 🙂 si provati un paio di volte…

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...